Forum Tuttoslot.it - Campionato di Categoria Lamborghini Racer Sideways
    Forum Tuttoslot.it
 

Forum Tuttoslot.it
Nome Utente:

Password:
 


Registrati
Salva Password
Password Dimenticata?

 

    

Menù riservato agli utenti registrati - Registrati  

Nota bene : Vuoi pubblicizzare il tuo marchio o negozio nei nostri banner? approfitta della promozione! Per informazioni: info@tuttoslot.it



 Tutti i Forum
 Forum Tuttoslot.it
 GARE CLUB
 Campionato di Categoria Lamborghini Racer Sideways
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:




      Bookmark this Topic 
Autore Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  

Maicol

Tuttoslottista Legend


Utente Valutato:
Voti:8



Inserito il - 20/01/2023 : 09:04:49  Link diretto a questa discussione  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Maicol Aggiungi Maicol alla lista amici  Rispondi Quotando
13 gennaio 2023 Gara 1 Lamborghini

Eccoci finalmente all’inizio della stagione ufficiale del 2023 con il primo Gran Premio di Categoria che assegnera’, al termine delle 7 Categorie il Ranking Piloti 2023.

Paolo Renzi campione uscente quest’anno difendera’ il titolo contro un agguerrito Luca Pedulla e contro Al Jazeera Ludovico Vergari rientrato sui suoi normali alti standard di rendimento.

Immancabile l’onnipresente al vertice delle classifiche Massimo Calabrese.

Outsider pericoloso il magico meccanico Riccardo Pedulla che con la seconda vettura di Scuderia rendera’ pan per focaccia per tutta la stagione.

Resto delle posizioni vedra’ lottare il resto del panorama Driver del Club.

Ricordiamo che e’ una classifica ad Handicap e che per ambire al titolo occorre essere presente in tutti i Campionati di Categoria della stagione altrimenti si viene inseriti nella ‘’Classifica di Serie B , C o D ecosi’ via dicendo’’ a seconda di quanti Campionati di Categoria si saltano.

Oggi la vettura in pista e’ la Lamborghini Huracan della Sideways Racer con rapporti fissi (11 x 28) motorizzati 17.000 Baby Raptor.

Qualora non si possedesse tale vettura e’ accettato in pista chiunque abbia GT3 C6R motorizzata Baby King.

Oggi 12 piloti in pista per 7 minuti a corsia per 6 corsie nel formato standard di Campionato al Campidoglio Racing Slot Club.

Dieci piloti storici accompagnati dal ‘’new entry’’ Calogero Di Maggio e il rientrante, dopo anni di assenza, dell’esordiente in gare ufficiali, avendo solo, alle sue spalle, esperienze di semplici prove alla storica sede di Gianni Modellismo, Cristiano Saiemme.

Qualifiche di prassi come avviene ad ogni primo Gran Premio di Categoria che mette in risalto 5 Under 13 con Vergari a comandare con un impressionante 12,629 e Max a chiudere con 12,981; in mezzo dalla seconda alla quarta piazza Calabrese, Luca e paolo che cosi’ partiranno in ordine dalla gialla alla blue in seconda batteria con Riccardo Renzi che fa’ il sesto in arancione.

Tutti ‘’tredicini’’ i restanti 4 driver ufficiali del Club accompagnati, in prima batteria, da un ottimo Calogero che al suo secondo Gran Premio si qualifica con un onorevole 14,367 alla guida di una Corvette C6R N.S.R. motorizzata Baby King e dall’esordiente Cristiano su Lamborghini Ninco motorizzata 21.000 ‘’compensato’’ dal dover ritrovare confidenza con il tracciato e con la necessaria pratica di guida necessaria per rendere al meglio.



Classifica, alla prima prova, molto ‘’corta’’ con distacchi esigui che hanno alimentato in tutti i piloti per tutta la sfida la speranza e l’illusione di poter sopravanzare l’avversario ma, inevitabilmente, di subire improvvisi capovolgimenti trovandosi invece ad inseguire.

Partono alla grande Luca e Ludovico che danno il ‘’timer’’ ai rivali di ‘’posizione’’ ma anche il timore reverenziale dato dalla loro forza.

Infatti Calabrese tiene il passo in prima manche ma e’ costretto ad alzare bandiera bianca in seconda gialla ‘’fermandosi’’ ad un 31 che gli nega sogni di gloria.

Ambizioni di podio sin dall’inizio invece per Paolo che ‘’sente’’ che stasera la vittoria non puo’ essere sua.

Centro classifica infuocato con Max e Riccardo Renzi ‘’chiusi’’ nello stesso giro dove tenta di inserirsi Riccardo Pedulla con l’aggravante di trovarsi nella batteria ‘’piu’ trafficata’’ correndo in ‘’prima piu’ lenta’’.

In terza e quarta manche sale il livello dei tre avversari e ‘’risucchiano’’ nella lotta di centro classifica un Calabrese che non riesce ad ottenere il massimo dal settaggio della sua vettura e si ritrova invischiato, oggi, solo nella lotta ‘’centrale’’.

Invece Paolo tiene la barra a dritta in terza e quarta manche e capisce che il podio e’ prenotato.

La serata debole di Calabrese e’ data dal 30 arancio in penultima che mette a serio rischio la sua classifica odierna presentandosi all’ultima con la seguente classifica: Calabrese 157 , Max e Pedulla Senior 156 , Renzi Senior 155. Capite che Massimo deve essere presente sul pezzo per non scivolare di posizioni. Non e’ stato facile per lui ‘’marcare’’ gli avversari ‘’chiudendogli ogni tentativo di sorpasso e chiudere in fila uno dietro l’altro con 31 giri pari per tutti e mantenendo, quindi, il prezioso giro di vantaggio che gli assegna il quarto posto finale che nel panorama degli avversari di quest’anno e’ un bell’iniziare.
Paolo resta di un livello superiore e con un triplo 32 finale chiude il podio di stasera.

In testa dopo l’equilibrio iniziale Ludovico innesta una marcia superiore in terza e quarta manche ‘’mangiando’’ un giro in ogni manche a Luca conservando il doppio vantaggio nelle ultime due in cui si limita a seguire perennemente l’andatura di Luca impossibilitato a recuperare per la grande sagacia tattica messa in pista da Al Jazeera che chiude primo nel primo appuntamento della stagione dando il giusto imprinting alla stagione.

Nelle retrovie Mauro penalizzato da una Lambo in condizioni necessarie di inevitabile restyling: telaio danneggiato che non permette una stabilita’ del pick-up e lo costringe, stasera, all’inseguimento dei suoi avversari Michele e Minasi. Minasi che stasera beneficia di un motore di qualita’ superiore e di una maggiore attenzione alla guida che gli permette di strappare l’ottava posizione al suo compagno di Endurance Michele.

Massimo Minasi fa’ la differenza, dopo una strenua battaglia, nell’ultima manche verde dove doppia per ben due volte un disattento Michele che non sfrutta la sua ‘’preferita’’ gialla e va a perdere giustamente il duello con il suo grande amico Minasi.

Un plauso ai due coopiloti che la successiva domenica 15 gennaio 2023 saranno di scena al circuito partenopeo di Portici del Modellismo Uliano dove prenderanno parte alla Endurance 2 Ore Classic Thunder Slot; terzo appuntamento esterno del Campidoglio Racing Slot Club dopo le trasferte 2022 dei Renzi a Casoria per le GT3 N.S.R., degli stessi Michele e Minasi accompagnati da Renzi e dal grandissimo Maurizio Santini in quel di Magione per Classic Thunder Slot e F1 N.S.R..

Dietro di loro un notevolmente cresciuto Calogero che dopo l’esordio natalizio bissa la presenza in una gara di Campionato e mette a frutto la sua esperienza di Commissario di gara ufficiale sui tracciata stradali con auto vere e confidenza con il mondo della guida salendo notevolemnte di tono passando dai 144 giri in Classic Thunder Slot ai 164 di oggi.

Certo, altra vettura, ma 20 giri in piu’ sono segno di notevole adattamento alla guida. Piazza 5 onorevoli 27 nelle prime 5 manche chiudendo nell’ultima bianca con un ‘’normale’’ 29 che fa’ intendere che presto sara’ presente nella battaglia delle retrovie al pari degli altri.

Chiude la classifica un onestissimo Cristiano che porta in pista una Lamborghini Ninco ‘’cotta e mangiata’’.

Causa impegni lavorativi giunge al percorso in prossimita’ della partenza e con soli 10 giri di prova e senza alcun settaggio di base della vettura accetta sportivamente di salire in pista per una gara ufficiale senza neanche conoscere e ricordare piu’ le regole di base di settaggi odel pulsante.

Poverino, gettato nella fossa dei leoni senza pieta’ ma gioioso accetta l’invito e dopo la prima manche ‘’negativa’’ subisce un o stop della sua vettura sostituita da un’altra Corvette C6R sicuramente non ben settata come quella di Calogero ma il bravo Cristiano dimostra il vecchio smalto portando la vettura alla media di 24 giri a manche che per un esordiente e’ un ottimo viaggiare.





L’analisi dei crono pone l’attenzione sul fatto che il FULL RED HELMET non finisce nella tasche di Ludovico che primeggia su 4 corsie con Paolo che porta a casa due Caschi Rossi in due manche; le ultime due blue e arancio facendo capire che anche lui dira’ la sua in questo primo Campionato stagionale.

Nel resto del panorama grande ALL UNDER 13 per Massimo Calabrese.

Come al solito raggiungono punte di velocita’ di alto pregio Max, Irriducibile e Riccardo Renzi chi in una chi in un’altra corsia.

Nelle retrovie come al solito il piu’ veloce risulta Minasi con 12,931 bianco.
Calogero corona il suo percorso di crescita con un portentoso 13,753 in ultima bianca.

Cristiano anche fa’ capire il suo futuro di pilota perche’ con un pulsante ripreso in mano dopo anni di inattivita’ e’ stato capace di segnare ben 3 Under 15.



Si forma cosi’ la prima Classifica Generale leggermente modificata nel sistema di punteggio: il tutto con l’obiettivo di rendere piu’ appassionante la lotta al vertice.

Si ‘’distanzia’’ il distacco dei punti tra i primi e viene inserita, a livello sperimentale, in questa prima Categoria il sistema di ‘’scarto’’ anni settanta della F1. Per compensare il fatto che per ovvi motivi di lavoro o di famiglia a volte i drivers sono costretti a saltare una prova e questo gli permetterebbe di restare in corsa per la posizione acquisita con tanto sudore. Se l’esperimento piacera’ verra’ riproposto per tutta la stagione altrimenti lo si accantonera’.



A questo punto appuntamento stasera per Gara 2 di questo appassionante sport.






 Regione Lazio  ~ Prov.: Roma  ~ Città: Roma  ~  Messaggi: 1196  ~  Membro dal: 11/09/2012  ~  Ultima visita: 19/04/2024

Maicol

Tuttoslottista Legend


Utente Valutato
Voti: 8



Inserito il - 23/01/2023 : 09:18:36  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Maicol Aggiungi Maicol alla lista amici  Rispondi Quotando
20 gennaio 2023 Lamborghini Gara 2

Si accende la lotta in questa Categoria di esordio delle competizioni 2023 al Campidoglio Racing Slot Club.

Purtroppo non tutto il settore Drivers del Club possiede la berlina della Racer Sideways; allora la Direzione Gara consente ai proprietari di Corvette C6R N.S.R. motorizzate Baby King sempre N.S.R. di partecipare ‘’in classifica’’ allo stesso campionato anche se il Baby King ‘’marca’’ 17.400 g/m ed il Baby Raptor Sideways 17.000 g/m.

Quindi si piazzano in pista 11 avversari con 7 Drivers su Lamborghini, Ludovico, Luca Pedulla, Paolo, Riccardo Renzi, Riccardo Pedulla, Michele e Mauro e 4 , i neofiti Cristiano e Calogero e i due rientranti Nascimben, Luca e Luciano.

Mauro Federici dimostra che oltre a migliorare la guida inizia anche a familiarizzare con il settaggio della vettura e nonostante un telaio precario all’attacco del pick-up riesce a mettere in pista una vettura onesta e guidabile e conquista con grande merito la posizione di centro classifica, sesto, abbondantemente meritata con ben 6 giri di vantaggio sull’inseguitore Michele che ha anche provato a cambiare il motore che, se pur nuovo anche il precedente, non dava spunto in velocita’ alla vettura.

Pero’ anche il nuovo motore non lo assiste e lo costringe ad applicare la massima attenzione per evitare di finire dietro le Corvette.

Sicuramente la Lamborghini nerazzurra necessita di un miglior settaggio anche nell’assale anteriore che non permette la necessaria scorrevolezza che potrebbe almeno migliorare la performance in pista.

Dietro duello entusiasmante per due ‘’corvettisti’’ , Luca Nascimben e Calogero sul filo dell’equilibrio fino all’ultimo giro.

Iniziano alla pari con un doppio 30 piu’ ‘’pesante’’ per Luca scendendo in blue mentre Calogero era sulla piu’ scorrevole bianca, ma in seconda e terza l’equilibrio regna grazie al pari 27 arancione e pari 28 ‘’incrociato’’ nella rossa e blue rispettive.

Dopo un grande equilibrio Luca ‘’stecca’’ la quarta verde che richiede grande scioltezza di guida chiudendola con un disastroso 25 che Calogero sfrutta come un match point in rossa chiudendola a 29 e mettendo una seria ipoteca sull’ottavo posto finale di grande prestigio calcolando che e’ la sua sola terza presenza ufficiale.

Luca reagisce alla grande nelle ultime due mettendo a frutto la sua maggior esperienza ma ormai il vantaggio di Calogero viene amministrato con saggezza e anche con un po’ di fortuna grazie a due uscite provocate dal ‘’o la vita o la morte’’ di Luca nel tentativo di recuperare che gli consentono di conservare 72 preziosi settori di vantaggio.

A fondo classifica l’altro esordiente, solo seconda presenza, Cristiano ha la meglio sul decano Luciano Nascimben che solo oggi torna in pista dopo l’evento funesto che ci ha lasciato senza Maurizio Santini e certo questo gli ha fatto perdere l’adrenalina slottistica che stava recuperando dopo anni di inattivita’.

Luciano si rimette a lavorare per trovare il giusto feeling con la pista viaggiando ad una media incoraggiante di 24 giri a corsia trovando il giusto smalto nella seconda rossa chiusa a 26.

Questo permette a Cristiano di scavalcare una posizione in classifica chiudendo decimo con una Corvette C6R Sebring 2010 con qualche problema di assetto sul retrotreno che gli impedisce l’ottima tenuta di strada necessaria per salire di rendimento; gia’ Pablito si e’ attivato per mettere, stasera, a disposizione di Cristiano una Corvette C6R del suo parco auto e sicuro la prestazione di Cristiano sara’ all’altezza di un risultato migliore.

Sui crono di questa parte della classifica ormai all’altezza dei migliori Mauro con 13,204 in prima verde come miglior tempo.

Calogero realizza il suo primo ALL UNDER 14 segnale di un suo ottimo adattamento alla guida.

Crono ormai degni per Luca Nascimben che ha solo pagato l’inattivita’ nel periodo post natalizio che lo ha assorbito completamente nel lavoro e costretto ad un recupero fisico necessario a ristabilire la giusta preparazione atletica.

Cristiano a sua volta porta a casa EVER UNDER 15 considerando, appunto, problemi di assetto del suo retrotreno.

Luciano alterna tempi esaltanti ed altri piu’ contenuti per trovare la giusta costanza di guida che lo porti ad essere piu’ regolare in entrata e in uscita di curva.

Nella parte alta della classifica due gare distinte: Paolo e Ludovico per la vittoria, i due Pedulla e Riccardo Renzi per il gradino piu’ basso del podio.

Sicuramente i Pedulla restano imbrigliati nell’avere a disposizione una sola vettura che costringe Riccardo, impegnato in prima batteria a non poter spingere piu’ del dovuto per permettere al ‘’pupetto’’ Luca di correre, povero bambino , altrimenti dovrebbe portarsi delle costruzioni Lego per passare la serata senza rompere le palle.

Cosi’ come Luca, nella sua batteria, pur spremendo al massimo la vettura con pneu diversi ha sempre tra le mani un mezzo non piu’ intonso ed efficiente e si vede costretto a dover portare a casa quello che riesce a spremere dalla sua vettura.

Ecco cosi’ che i Pedulla sono estromessi dalla lotta al vertice ma la loro classe gli permette di tenere a bada un Riccardo Renzi battagliero che mette in pista tre 32 , due 31 ma con il 30 finale arancione, dove a volte riesce ad ottenere di piu’, non puo’ far altro che chiudere degnamente e con soddisfazione a 188 giri in ottima quinta posizione assoluta.

Invece questa volta il derby di casa Pedulla vede prevalere Daddy Richard che vince il confronti in gialla e bianca , perde solo in verde pareggiando in blue, arancio e rossa lasciando con un palmo di naso il figliolo Luca Pedulla che va a casa con le pive nel sacco.

Diciamolo, per lui non e’ proprio stata una bella serata e , come diceva Toto’: ‘’…… e ho detto tutto’’.



Nei crono tra i tre Luca porta a casa gialla e blue, Riccardo Pedulla bianca e rossa e Riccardo Renzi l’arancione; la verde stasera non e’ attendibile per i tempi rilevati; d’altronde l’eta’ del software avanza ed e’ un’altra cosa dove l’organizzazione dovra’ intervenire.

Lo spettacolo e’ in testa dove il ritrovato Al Jazeera lotta contro tutti; il suo atteggiamento spocchioso ormai dimostra l’evidente rottura con tutti i compagni , ormai solo nemici, del paddock.

Nessuno e’ ormai dalla sua parte se non il suo sponsor; l’unico fedele alleato rimastogli :



Hamad bin Khalifa al-Thani, proprietario della rete televisiva araba di cui il Sultano e’ il proprietario suo perenne e storico sponsor; l’unico con cui lo scorbutico Ludovico Vergari riesce ad essere affettuoso e cordiale.

Bene con il suo piglio altezzoso e spregiudicato piazza subito la botta di presentazione con un 33 giallo a cui il beniamino del pubblico, il grande Pablito, risponde alla grande pareggiando il conto in bianca. Crono mastodontico di Ludovico , 12,099 Casco Rosso assoluto di serata in corsia, a cui Paolo mette in contraltare un interessante 12,594 bianco.

In seconda manche Ludovico distrugge i sogni di gloria di tutti i presenti e dell’avversario portando a casa un portentoso 34 bianco con 12,391 che migliora il precedente crono bianco di Pablito segnando il confine tra se e la vittoria difficilmente superabile dall’ottimo Pablito che scende a meno due giri dalla vetta ed assegna a Ludovico il Casco Rosso di serata in corsia bianca.

Ma e’ a meta’ gara che Pablito mette a frutto il suo titolo 2023 Ranking Driver mostrando la sua classe e con un mirabolante 33 arancio riapre la contesa considerando il 32 blue dell’avversario che perde il confronto cronometrico in blue con Pablito piu’ veloce di 0,046 che da’ nuove speranze per l’esito finale.

La quarta e quinta manche e’ una dimostrazione di classe slottistica a cui pochi riescono a tenere il passo e i due si alternano continuamente al comando di queste due manche lasciando inalterato il distacco all’ultima manche: un solo giro separa i due con Ludovico che andra’ in verde e Pablito in gialla. Leggero vantaggio per Al Jazeera ma con Paolo in una buona corsia per tentare il tutto per tutto.

I crono di quarta e quinta danno il Casco Rosso assoluto a Ludovico in arancione e a Pablito in rossa.

L’ultima manche e’ la dimostrazione che siamo di fronte a due fenomeni dello slot; Ludovico dopo il grande piazzamento nella gara Open ‘’Esterna’’ della GT3 di novembre scorso e’ tornato ormai a riempire le pagine memorabili dello slot italiano e Paolo e’ ormai una realta’ italiana dello slot nazionale. Con il passare del tempo e l’aumento delle prove nazionali risucira’ nel giro di un paio di nani al massimo a colmare il gap di esperienze con gli avversari nazionali e certamente riempira’ di gloria il blasone del Campidoglio Racing Slot Club.

Infatti i due duellano fino all’ultimo settore di tutti e 7 i minuti dell’ultima manche lasciando i Commissari di gara e gli spettatori in attesa spasmodica della Classifica finale. Pero’ Ludovico reagisce alla grande agli attacchi esasperati di Pablito: portano a casa un 33 pari e questo vuol dire 109 giri Ludovico, 197 Pablito. Primo e bissante l’esordio, Ludovico Vergari.

Consolazione per il campioncino frascatano il Best Lap in verde con Relativo Casco Rosso di serata in verde.

Dalle seguenti classifiche potete rilevare le personali considerazioni della serata.







Un discorso diverso e’ per la lettura della Classifica Generale dove , oltre al nuovo sistema di punteggio che ‘’distanzia’’ di piu’ il vincitore dai seguenti instaura il meccanismo degli ‘’scarti’’, vecchia procedura contabile della F1 anni settanta che permette di ‘’recuperare’’ in caso di problematiche varie in una delle sei prove di Categoria.

Quindi troverete la classifica che ‘’piazza’’ in piloti non tanto nella somma dei punti totalizzata di volta in volta, evidenziata in terzultima riga ma nella classifica ‘’Scartati’’ che e’ quella che, fino a quel momento, realizza la ‘’reale posizione’’ considerando che un risultato va ‘’tolto’’.

Comunque avete evidenziati tutti e due i punteggi ed ognuno li interpreta come meglio crede per sua soddisfazione personale.

Eccovi la situazione generale dando a tutti appuntamento a stasera.







 Regione Lazio  ~ Prov.: Roma  ~ Città: Roma  ~  Messaggi: 1196  ~  Membro dal: 11/09/2012  ~  Ultima visita: 19/04/2024 Torna all'inizio della Pagina

Maicol

Tuttoslottista Legend


Utente Valutato
Voti: 8



Inserito il - 24/01/2023 : 20:43:15  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Maicol Aggiungi Maicol alla lista amici  Rispondi Quotando
23 gennaio 2023 Gara 3 Lamborghini

Serata di magra al Campidoglio Racing Slot Club, il freddo e il gelo che attanaglia la Capitale spinge a restare a casa diversi Drivers; molti lavorano all’aperto e le giornate gelide mettono a dura prova il fisico.

Una serata al tepore del camino ritempra il fisico e permette di rimescolare le carte in classifica.

Stasera tutte Lamborghini Huracan Racer Sideways in pista.
Restyling meccanico effettuato da Michele sulla sua deludente ‘’Beneamata’’



Grazie al Check-Up by Pablito ‘’alza’’ l’assale anteriore al massimo possibile consentito dalla vettura, fissa il motore con la seconda vite al banchino ed ecco che finalmente il Baby Raptor scarica in pista tutti i 17.000 giri con cui e’ omologato e nelle prove libere passa da 14 alto a 13 basso pronto a dar battaglia per il centroclassifica.

Pablito avverte odore di podio visto anche l’assenza dei due draghi Calabrese – Luca Pedulla e con il nuovo meccanismo dello scarto di un Gran Premio su 6 e’ obbligato a non mollare il secondo gradino del podio grazie alla sua Lamborghini ‘’rossonera’’



Completa il quadro dei piloti in corsa per il titolo Riccardo Pedulla, anche lui finora sempre presente alla guida solitaria , finalmente, del mezzo costretto a dividere con il coopilota della Scuderia Pedulla, Luca, come gia’ detto stasera assente.

Ecco cosi’ che la verde ‘’63’’ Pertamina stasera e’ solo sua e cerchera’ di tirarne fuori il sangue.



Stasera rientra, dopo l’assenza in gara 2 , Max Argentino altro pretendente al podio in grado di settare il mezzo come pochi nel mondo dello slot.

Ed in effetti la sua Gulf risulta sempre ottimamente preparata ed in grado di assicurare sempre un ottimo rendimento.



Completa il quadro dei piloti di rilievo Riccardo Renzi l’’’arancione’’ del Club, unico in grado di sfruttare puntualmente al meglio il rendimento in corsia 6 arancione.

Anche lui alla guida di una Gulf che pero’ non e’ ufficiale di casa madre ma ‘’privata’’ acquisita su concessione del marchio da parte di casa Max.



In pista Mauro che ha sempre l’handicap di un telaio precario che richiederebbe una continua manutenzione che in gata 2 e0 riuscita perfettamente ed ha permesso al ‘’Freddo’’ di ottenere un’ottimo risultato e che vedra’ stasera di ripetere con la sua Alitalia 68



Tutti alla ricerca dell’Araba Fenice, del Sovrano del Deserto, del dominatore del Campionato che tutti aspettano di detronizzare: sua maesta’ Al Jazeera anch’egli su Alitalia Graphic.

Due batterie in pista: 4 per la lotta delle retrovie con ipotetiche schegge impazzite proiettate nell’alta classifica e 3 per la seconda dei Top Driver di classifica.

Stasera pane duro per Mauro che incontra, come gia’ visto in prova, una Lambo ‘’nerazzurra’’ veramente all’altezza in grado di segnare Under 13 sia in penultima che ultima manche verde e gialla e che permettono a Michele di tenere il passo con Mauro nelle prime due manche dove riesce a tenere in riga la sua ‘’Alitalia’’.

Ma nella terza manche Mauro accusa colpi meccanici di tenuta di strada che mettono a rischio anche il settaggio degli ingranaggi e addirittura in quarta, per salvaguardare l’arrivo al traguardo, lo portano ad un forte rallentamento a differenza di Michele che stasera mostra una costanza come poche volte gli si vede fare.

Alla fine della quarta manche Michele segna All 31 con un totale di 124 mentre Mauro si ferma a 119; 5 giri sono tanti per tentare il riaggancio.

Infatti Michele, come gia’ accennato, piazza due ottime ultime manche restando in piena media di 31 giri a manche e Mauro ne mette dentro 30 e 29 che salvano l’onore ma non l’ultima posizione.

Grande bagarre in centroclassifica dove Riccardo Renzi, soffrendo piu’ degli avversari, tiene in scacco per tutta la contesa Max e Riccardo Pedulla in una terna che mette in palio con onore i lterzo gradino del podio.

Prima e seconda manche nettamente a favore di Pedulla e Max con Renzi in ritardo di due giri sui due, doppio 32 per i primi, doppio 31 per l’inseguitore.

Nella terza manche Renzi Senior tenta l’aggancio e con un 32 blue rosicchia un giro a Max in blue ma quello che non molla e‘ Pedulla che tiene inalterato il vantaggio sul Sir Riccardo.

La quinta manche e’ di equilibrio assoluto con Max che e’ in grado di restare in piena scia a Pedulla e Renzi Senior a sua volta tallonare da vicino Max lasciando aperto ad ogni ipotesi per le piazze dalla terza alla quinta.

La piu’ bella e’ l’ultima con Riccardo Renzi che realizza la migliore manche sulle 18 analizzate dal rendimento dei tre avversari mettendo in carniere 33 giri verdi che lo portano ad un passo da Max che fatica a tenere botta e solo un grande Professor Pedulla ‘’Prost’’ con la sua costanza e pulizia di traiettorie riesce a domare portando a casa meritatamente il terzo gradino del podio se pur per soli 109 settori, quasi un giro con Max a marcare Riccardo Renzi , a sua volta, per soli 65 settori, poco piu’ di mezzo giro per una battaglia ferrea ma onesta e gratificante per loro e per il pubblico.

In testa , invece, due avversari in grado di lottare testa a testa fino a tutta la terza manche dove solo la miglior scivolatezza della vettura in curva permette a Ludovico di tenere , a meta’ gara , un giro di vantaggio: 101 Ludovico , 100 Pablito.

Quando meno ce lo si aspetta inconveniente tecnico per il giovane Pablito che subisce la rottura del ‘’volante’’ costretto al rientro ai box per una rapida sostituzione che non trova rapida e sicura soluzione costringendolo ad un giusto rallentamento alla ricerca della nuova metodologia di guida che destino accanito non vuole trovi; infatti subisce la seconda rottura del volante per un nuovo ripassaggio di sosta ai box che lo esclude da ogni velleita’ di vittoria ma , fortunatamente, non gli pregiudica la seconda posizione.

Ecco che dopo la travagliata quarta e quinta manche chiusa con ‘’deboli’’ giri complessivi riprende a viaggiare sicuro in ultima per chiudere secondo dietro ad un serafico, sicuro e vincente Vergari che si ferma dinanzi al palco reale prima della fine della gara per salutare il Sultano suo sponsor sempre presente alle sue gare ma , alla fine, come dicono in Sicilia, ….pigghiate……. ‘n du c…… , finisce a 199 giri e 105 settori; praticamente senza i 7 settori dovuti alla pausa.

Queste le Classifiche di rendimento della serata





L’analisi dei Tempi sul giro mettono in rilievo la scorrevolezza della vettura e la pulizia di guida di Paolo che porta a casa ben 3 Caschi Rossi in gialla, arancio e rossa con Ludovico a primeggiare in bianca e blue.

Resta sempre l’incognita della verde con il tempo inattendibile finale di Ludovico.

Dietro di loro uno strepitoso Riccardo Renzi che realizza ALL UNDER 13 come risultante dalla tabella allegata



Questa infine la Classifica Generale con in terzultima riga la Classifica Generale e in penultima la Reale Classifica ‘’Scartata’’







 Regione Lazio  ~ Prov.: Roma  ~ Città: Roma  ~  Messaggi: 1196  ~  Membro dal: 11/09/2012  ~  Ultima visita: 19/04/2024 Torna all'inizio della Pagina

Maicol

Tuttoslottista Legend


Utente Valutato
Voti: 8



Inserito il - 05/02/2023 : 10:34:51  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Maicol Aggiungi Maicol alla lista amici  Rispondi Quotando
03 febbraio 2023 Gara 4 Lamborghini

Impegni di lavoro e sportivi di vari drivers limitano la presenza a 9 piloti sul parterre del circuito appiese.

Lotta per il titolo riservata la trio di pretendenti Ludovico, Paolo e l’Irriducibile.

Questa prima contesa agonistica del 2023 ha un solo , unico , impareggiabile mattatore : il Sultano del Deserto , l’idolo delle folle arabe , l’oriundo italiano di avi italiani ma nato e cresciuto nel Deserto del Gobi : Al Jazeera Ludovico Vergari.

Solo il vento che soffia forte tra le dune del suo amato deserto e’ piu’ veloce e leggero del suo viaggiare sulle strade del circuito del Campidoglio Racing Slot Club.

Anche oggi sfreccia veloce e va’ a prendere meritatamente e indiscutibilmente i 30 punti della vittoria e solo il regolamento di quest’anno, con gli scarti una gara, lascia ancora residue speranze agli avversari; ma l’appuntamento di lunedi puo’ essere deleterio per i rivali : o lo scalzano dal trono piazzandolo, al meglio , sul gradino piu’ basso del podio oppure addio sogni di gloria, il primo titolo della stagione diventa ‘’arabo’’.

Lui viaggia imperterrito a 33 giri a manche ma certamente Pablito non e’ da meno. Guasti tecnici in manche 2 lo eliminano da ogni possibile tentativo di rientro al vertice di giornata. Problemi di assetto che il giovane driver risolve e chiude le ultime 4 all’altezza del Campione Ludovico lasciando ben sperare per Gara 5; li’ Pablito puo’ tentare la destituzione del leader dovendo, pero’, non sbagliare nulla.

Analizzando l’andamento della gara e considerando i problemi di manche 2 si nota il perfetto allineamento tra i due avversari.

Anche la tabella dei Time Laps, evitando l’analisi ‘’verde’’, mette in risalto come i due sono allineati e il reciproco rispetto prepara una gran gara per domani 6 febbraio.

Chiude il podio un concentratissimo Pedulla Senior che pero’ con il massimo dell’impegno non sembra in grado di poter tenere il passo con i due avversari lasciando cosi’ Paolo da solo nel tentativo del ribaltamento al vertice che , con solo Paolo come avversario, lascia Ludovico conscio del suo prezioso vantaggio.

Anche l’analisi dei Time Laps mettono Riccardo Pedulla in secondo piano se pur al vertice della categoria.

Non esaltante il rientro di Massimo Calabrese che mette in risalto la poca pratica , nel 2023 , alla guida di una Lamborghini che presenta molte problematiche che costringono il Massimo nazionale ad un lungo e severo fine settimana di resetting generale ; dalla tenuta di strada all’affidabilita’ della resa agonistice del suo mezzo.

Vederlo viaggiare sopra i 13 e scendere sotto solo in bianca e’ un chiaro segnale che l’Officina Calabrese deve fare un serio esame di coscienza e mettere uno dei piu’ grandi piloti dello slot mondiale all’altezza meccanica dei rivali.

Sul pianeta terra oggi i drivers approfittano di una serata non esaltante del maestro Max; questa volta la differenza non l’ha fatta il settaggio del suo mezzo non performante come suo solito ma la destrezza del pilota nei momenti cruciali della gara. Oggi Michele lo ha costretto piu’ volte alla rimonta e lui li’ ha dato il meglio di se’; ad ogni difficolta’ reagisce con calma ed esperienza e riporta sempre la gara a suo favore finendo l’ultima manche subendo si’ la rimonta di Michele che riesce a ‘’rientrare’’ nello stesso giro dell’apriliano che pero’ non concede piu’ neanche un metro conservando alla fine 1 giro e 19 settori di vantaggio che confermano il suo livello driver top.

Michele a sua volta mette a frutto lo ‘’Stage Renzi’s Racing’’ di cui ha usufruito nella 4 Ore Endurance GT Slot-It e con la giusta concentrazione e determinazione chiude la gara con 1 sola uscita che gli permette di precedere sul traguardo Mister Regolarita’ Mauro ‘’Il Freddo’’ che forte della sua tenuta di strada da quando ha adottato il nuovo volante ‘’ex Minasi’’ anche se solo per quasi un giro intero.

Oggi anche un grande Minasi riempie la lotta con una gara modello che lo tiene sempre al comando sui suoi diretti avversari mirando un traguardo prezioso fino all’ultima manche dove la follia lo attanaglia e in un nervosismo ingiustificato perde troppo spesso il controllo del mezzo consentendo a Michele prima e Mauro dopo di precederlo sul traguardo dopo aver avuto in mano per piu’ di meta’ gara il sesto posto finale.

Dopo aver elogiato la grande e conosciuta abilita’ di driver di Max occorre segnalare il merito agonistico di Michele che pur risultando il piu’ lento del trio , lui, Mauro e Massimo Minasi, li precede in classifica per la sua sagacia tattica.

In tutto questo chiude la contesa Riccardo Renzi costretto , insieme a Max, Max in prima manche, Riccardo in seconda, ad un breve stop ai box.

Max risolve e parte di nuovo con la saldatura del filo di trasmissione elettrico al motore mentre Riccardo Renzi e’ costretto a mollare la Race ripartendo su un modello che la Gulf Racer Sideways Team mette a disposizione del Chief Renzi per riuscire a ripartire costretto, pero’ , a perdere prezioso tempo prima di trovare il giusto feeling sia con la vettura sia con il volante per rendere la sua gara performante e riesce solo a precedere Minasi sul traguardo ma solo per la disgraziata ultima manche di quest’ultimo.

Qui’ di seguito le Classifiche di merito lanciando l’appuntamento a domani per Gara 5.













 Regione Lazio  ~ Prov.: Roma  ~ Città: Roma  ~  Messaggi: 1196  ~  Membro dal: 11/09/2012  ~  Ultima visita: 19/04/2024 Torna all'inizio della Pagina

Max73

Nuovo Tuttoslottista


Inserito il - 05/02/2023 : 10:51:35  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Max73 Aggiungi Max73 alla lista amici  Rispondi Quotando
ciao ragazzi quello che sto vedendo è praticamente strepitoso ma è bellissimo questo forum , io sono impedito ma spero di crescere con voi e imparare a postare tutto quello che state facendo pure voi con le gare , wawwwwww complimenti





 Regione Lombardia  ~ Prov.: Bergamo  ~ Città: Almenno San Bartolomeo  ~  Messaggi: 5  ~  Membro dal: 05/02/2023  ~  Ultima visita: 05/02/2023 Torna all'inizio della Pagina

Maicol

Tuttoslottista Legend


Utente Valutato
Voti: 8



Inserito il - 09/02/2023 : 04:06:16  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Maicol Aggiungi Maicol alla lista amici  Rispondi Quotando
06 febbraio 2023 Gara 5 Lamborghini

Eccoci al penultimo appuntamento di Categoria di questo inizio 2023.

Dieci piloti sul palco gara con un ritorno storico: lo svettante Andrea Ippoliti impugna il volante della sua Corvette NS.R. C6 ‘’Playboy’’ motorizzata Baby Kung, per equipararsi al Baby Raptor delle Racer Sideways e torna tra le fila del Campidoglio Racing Slot Club.





Con lui tornano a gareggiare in categoria Massimo Minasi e Calogero Di Maggio.
Michele Caggiano cede il suo posto nella batteria d’elite a Massimo Calabrese e questo diventa la sua fortuna.

Partendo in prima batteria da’ sfoggio di una maturita’ di guida che gli permette di realizzare una gara storica per la sua carriera di pilota: come ‘’promesso’’ goliardicamente in anni non sospetti arriva il 2023 e’ giunge la sua pri ma vittoria; certo, di batteria ma pur sempre una vittoria con una condotta di gara tecnicamente la sua migliore in assoluto da quando gareggia al Club.

Parte maestoso in prima verde con 32 giri dietro ad un sontuoso Massimo Minasi che conduce la gara fino alla fine della seconda manche a cui fa’ seguire una debole arancione da 28 che mette Michele davanti e sotto pressione il Minasi costretto a cedere anche la seconda piazza ad un rientrante Mauro Federici.
Michele suggella la serata con una strabiliante arancione di memoria Stage Riccardo Renzi portando in cascina 31 giri che lo mette davanti anche ad Andrea Ippoliti che dopo il rodaggio delle prime 4 manche inizia ad inanellare giri perfetti all’altezza della sua fama e rientra, uno ad uno, su tutti gli avversari portandosi, alla vigilia dell’ultima manche, in seconda posizione ma a 3 giri da Michele che viaggera’ in ultima corsia con lui in bianca.

L’ultima manche e’ perfetta per Minasi che pero’ deve recriminare per la condotta distratta di manche 3 e 4 che gli costano l’ottava posizione a favore di un regolare Mauro Federici.

Chiude la contesa Calogero che mette in carniere un’ottima prima , 31 giri, e quarta manche , 30 , che lo portano ad una guida accettabile e alla ricerca del sempre maggior feeling con il nuovo volante M.B. a due selettori



Che gli consente di rodare al meglio la sua nuova Porsche 997 GT3 motorizzata Baby King in previsione sia della futura 4 Ore GT3 sia del Campionato di Categoria Porsche Cup



Tornando alla testa della gara Michele sceglie un’ultima manche alla ricerca della regolarita’ controllando la grande ultima di Ippoliti che chiude a solo meno uno da Michele che entusiasta porta a termine vittorioso la gara con una sola uscita di pista in tutte e 6 le manche.

La ricerca della regolarita’ di Michele e’ confermata dal suo unico Casco Rosso di batteria nella seconda gialla, con 1 altro Casco Rosso che finisce nella mani di Andrea, la sua seconda arancione, e ben 4 Caschi Rossi a Minasi, ad aumentare il suo rammarico per la nona posizione finale non consona al livello della sua vettura, in tutte e 4 le altre corsie con lo ‘’snello’’ 14,742 in prima bianca.

La forza della sua vettura e’ confermata da Batteria 2 dove Max prima della partenza subisce la rottura del telaio e risolve con la piu’ storica delle Joint Venture: ottiene dallo storico rivale Minasi il prestito del suo telaio con l’intero suo assemblaggio e il magico pilota pontino realizza un’impresa: sale sul podio con una gara maestosa, 33 giri in prima, terza e quinta manche e un ottimo 31 arancione lasciando con un palmo di naso Calabrese che , pur se per soli 106 settori, e’ costretto alla quarta posizione finale.

Oggi niente da fare per l’Irriducibile che non va’ piu’ in la’ di 32 giri e deve procedere tranquillo in quinta posizione di batteria e finale assoluta.

La non brillantezza della sua vettura e’ confermata dai Time Laps mai sotto 13.
Calabrese chiude quarto una gara in crescendo di rendimento dopo l’iniziale difficolta’ mostrata in tutto il Campionato Lamborghini.

In testa un magistrale Ludovico nelle prime due manche molla la presa in terza e quarta conscio del suo matematico successo lasciando via libera ad un portentoso Paolo Renzi che con un triplo 33 e un 32 giallo prende il comando alla fine di manche 4 dove addirittura Max aggancia Ludovico in seconda posizione.

La quinta mette a repentaglio la leadership di Paolo che passa dall’arancione brillantemente portata a casa con 32 giri ma i 33 rossi di Ludovico lo mettono sull’attenti cosi’ come mostrano il terzo gradino del podio per Max che chiude la sua gara in arancione con il Sultano Al Jazeera in verde.

Cosi’ e’; Ludovico regola in grande Max per la seconda piazza ma nulla puo’ contro il miglior Paolo di inizio stagione che con 33 rosso porta a casa la vittoria di giornata.

Oltre a questo conquista 4 Caschi Rossi assoluti lasciando solo prima e seconda manche gialla e bianca nelle mani di Ludovico come si puo’ vedere dall’apposita tabella



Questa la Classifica di giornata con relativa analisi per corsia





Ed ecco la Classifica Generale che con il sistema degli scarti assegna matematicamente il titolo a Ludovico e questo e’ da decidere se e’ giusto cosi’ oppure se tornare al vecchio sistema di conteggio globale di tutte le prove eliminando il sistema degli scarti.








 Regione Lazio  ~ Prov.: Roma  ~ Città: Roma  ~  Messaggi: 1196  ~  Membro dal: 11/09/2012  ~  Ultima visita: 19/04/2024 Torna all'inizio della Pagina

Maicol

Tuttoslottista Legend


Utente Valutato
Voti: 8



Inserito il - 04/03/2023 : 08:27:29  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Maicol Aggiungi Maicol alla lista amici  Rispondi Quotando
10 febbraio 2023 Gara 6 Lamborghini Racer Sideways

Ultima gara del primo campionato di categoria 2023, passerella per il dominatore di Categoria Ludovico Vergari chiamato alla prova del nove dal principale avversario di questi primi 5 Gran Premi Paolo Renzi.

Anche oggi assente l’altro grande del Club Pedulla Luca impegnato nelle sue prestazioni calcistiche che ne hanno limitato la presenza in pista.

Oggi grande risposta dell’altro totem della guida Calabrese Massimo che ha impegnato fino all’ultimo i due leaders.

Partono sparati i due dominatori di Categoria Ludovico e Paolo piazzando un doppio 34 a cui Massimo risponde ad un solo giro di distacco che ‘’riprende’’ a tutti e due in seconda e terza manche presentandosi appaiati a meta’ gara.

Nell’analisi dei Time Laps di queste prime tre manche si nota il perfetto equilibrio tra i tre che primeggiano chi in un chi in un’altra corsia.

Dietro di loro un grande Riccardo Pedulla lotta con il solito smagliante, in verde, Massimo Minasi che pero’ perde contatto in seconda e terza manche abbandonando la lotta di meta’ classifica che diventa cosa propria solo di Riccardo Pedulla che si attesta nettamente a meta’ classifica stabilendo un solco incolmabile tra se e gli avversari per il suo quarto posto tranquillo.
Minasi a sua volta viene risucchiato nelle retrovie dove primeggia Riccardo Renzi certamente al di sotto dei suoi recenti standard di rendimento ma sempre in grado di ‘’tagliare’’ quota 180 che gli permette di primeggiare nella lotta di retrovia dove Minasi alla fine riesce a tenere a bada l’esordiente Calogero che con Luca Nascimben danno pan per focaccia al famelico Minasi che riesce a mettere la sua vettura davanti ai suoi avversari finendo meritatamente al sesto posto finale.

Veramente di pregio i 177 e 176 giri di Calogero e Luca vuoi per l’inesperienza del primo e per il minor numero di giri di prove libere duramente il resto della settimana per il secondo.

I crono di ‘’retrovia’’ premiano lo svettante Minasi chiaramente primeggiante in 4 su 6 corsie lasciando a Riccardo Renzi solo la blue e la rossa a conferma del valore del Principal Team Renzi.

Gara purtroppo in sordina per Luciano Nascimben non a suo agio con la vettura sostitutiva GT3 N.S.R. schierata nel Campionato Lamborghini; come anche successo ma con piu’ validita’ per Calogero e Luca.

Tornando alla lotta in testa manche 4 e manche 5 realizzano ‘’il colpo di stato’’; sua Maesta’ Ludovico viene messo al tappeto da due consecutivi colpi da K.O.: 34 giri in blue di Paolino in quarta manche e 33 giri in quinta sempre blue per Calabrese che portano Ludovico all’ultima manche con un giro di distacco su entrambi.

Qui’ Ludovico non spreca il jolly: corsia verde per lui, arancio per Calabrese e rossa per Paolo.

E’ la condanna per gli avversari e l’apoteosi per il Campione del quartiere di Benito: Ludovico porta al limite la sua Lambo e mette 34 giri in pista a cui riesce solo Paolo a porre rimedio con un 33 mentre Calabrese si deve accontentare del terzo posto finale.

Si attende il responso dei settori con i due rivali, Ludovico e Paolo appaita nella stessa zona ma non bastano i 17 settori di Paolo vedendo Ludovico di fianco a se’ , segnato sulla pista, un 22 che vuol dire vittoria anche di Gran Premio a suggello di un Campionato di Categoria per lui esaltante.

Eccovi le Classifiche in attesa dell’esordio del Campionato tanto atteso dal Club: Classic Thunder Slot all’esordio sul circuito appiese.









Questa infine la ‘’prima’’ classifica del Ranking Piloti 2023:







 Regione Lazio  ~ Prov.: Roma  ~ Città: Roma  ~  Messaggi: 1196  ~  Membro dal: 11/09/2012  ~  Ultima visita: 19/04/2024 Torna all'inizio della Pagina
  Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  
      Bookmark this Topic 
 
Vai a:
Herniasurgery.it | Snitz.it | Crediti Snitz Forums 2000
Questa pagina è stata generata in 0,31 secondi.

 

 

Questo sito utilizza solo cookie TECNICI e pertanto non effettuano alcuna tracciatura dell'utente.
I cookie TECNICI, sono i cookie che servono a effettuare la navigazione o a fornire un servizio richiesto dall'utente. Non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare del sito web.
Senza il ricorso a tali cookie, alcune operazioni non potrebbero essere compiute o sarebbero più complesse e/o meno sicure, come ad esempio le attività di inserimento post o login, per le quali i cookie, che consentono di effettuare e mantenere l'identificazione dell'utente nell'ambito della sessione, risultano indispensabili.

Visualizza l'informativa

 

 

Search Engine Optimization